Ecologia

consapevolezza e stili di vita sostenibili

EcoHub

centro polivalente ecologico e olistico

Difesa del Territorio

tutela e salvaguardia

Acqua

bene comune e risorsa essenziale

Rifiuti

riduzione riciclo e raccolta differenziata

Alimentazione e Salute

cibo per il corpo e l'anima

Agricoltura

nel rispetto di MadreTerra biologico biodinamico permacultura

Orto Giardino Balcone

un tesoro a portata di tutti

Economia locale

altro lavoro cooperazione e impresa per una vita sostenibile

Risparmio energetico

ridurre i consumi

Casa Ecologica

nuovi modi per abitare bioedilizia feng shui bioarchitettura

Energie Rinnovabili

la nuova rivoluzione

Medicine Naturali

al servizio di anima e corpo la forza curatrice della natura

Corpo Mente Spirito

trovare se stessi con le tecniche olistiche

Trasporti e mobilita'

troppe auto ai Castelli !

Parco dei Castelli

notizie e idee dal Parco

Arte e Cultura

la bellezza salvera' il mondo

Interviste

storie personaggi e voci dai Castelli

Castelli e Memoria

tradizione luoghi e ricordi

Reti Solidali

insieme per fare e condividere

Libri e Musica

scelti e consigliati da ecocastelli.it


I TESORI DEL PARCO: IL MERLO

Uno di questi è il nero merlo (Turdus merula) che ormai popola privo di ogni timore tutti i parchi e giardini di tante città  oltre che le campagne.  Lo stesso merlo che in campagna é diffidente e fugge lontano lanciando il suo grido di allarme al primo rumore, probabilmente pensando di sentire il rumore di uno sparo o il fischiare dei pallini, in città si posa sui terrazzi, razzola sotto le panchine dei parchi o gira tra le auto in sosta alla ricerca di insetti ma anche di briciole, resti di spuntini e altri avanzi di consumo umano.

Lungo circa 25 centimetri, il merlo presenta uno spiccato dimorfismo sessuale; nero lucente il corpo del maschio con un bel becco giallo arancio, interamente bruno scuro con striature  sul petto e   fortemente mimetico il piumaggio della femmina.

Ubiquitario in Italia, predilige giardini, macchie, siepi e boschi ma anche aree coltivate se vi sono presenti zone arbustive ai margini dei campi. Inizia la costruzione del nido tra fine febbraio e marzo, mentre la riproduzione con più covate si protrae fino a luglio. Il nido costruito quasi interamente dalla femmina è una bella e robusta cesta di fili d'erba e steli di piante ed è sistemato in siepi, arbusti, rampicanti o alberi. Per ogni covata vengono deposte 4-5 uova dal guscio bluastro che vengono covate  per circa 2 settimane dalla femmina, sostituita brevemente dal maschio solo per alimentarsi. Per l'assoluta immobilità e il piumaggio mimetico è quasi impossibile individuarla durante la cova. Più facili da vedere sono invece i giovani che privi di timore si possono osservare da pochi passi mentre vengono nutriti da entrambi i genitori. Il canto dei merli, particolarmente melodioso ed articolato, è stato fonte d’ispirazione per diversi artisti: Messiaen scrisse addirittura un’opera per flauto e piano dal titolo “Il merlo nero” dopo aver passato diverso tempo a studiarne il canto.


 


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Calendario Eventi

eventi incontri spettacoli corsi e seminari

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

ECOCASTELLI.it

Un sito per vivere al meglio i Castelli Romani, con i loro problemi e con i loro tesori. Uno sguardo attento ad una vita sana e sostenibile, responsabile ecologicamente e socialmente. Tutte le informazioni su quello che si muove di positivo nel territorio dei Castelli e loro dintorni: iniziative, incontri, notizie, eventi, spettacoli.

 

E anche un sito per incontrarsi e conoscere nuove possibilità, discutere e dibattere, scambiare opinioni, informarsi e documentarsi. In più una vetrina privilegiata ed uno spazio specializzato per le attività culturali ambientali e olistiche.

PAUL HAWKEN

          UNA BENEDETTA IRREQUIETEZZA