Ecologia

consapevolezza e stili di vita sostenibili

EcoHub

centro polivalente ecologico e olistico

Difesa del Territorio

tutela e salvaguardia

Acqua

bene comune e risorsa essenziale

Rifiuti

riduzione riciclo e raccolta differenziata

Alimentazione e Salute

cibo per il corpo e l'anima

Agricoltura

nel rispetto di MadreTerra biologico biodinamico permacultura

Orto Giardino Balcone

un tesoro a portata di tutti

Economia locale

altro lavoro cooperazione e impresa per una vita sostenibile

Risparmio energetico

ridurre i consumi

Casa Ecologica

nuovi modi per abitare bioedilizia feng shui bioarchitettura

Energie Rinnovabili

la nuova rivoluzione

Medicine Naturali

al servizio di anima e corpo la forza curatrice della natura

Corpo Mente Spirito

trovare se stessi con le tecniche olistiche

Trasporti e mobilita'

troppe auto ai Castelli !

Parco dei Castelli

notizie e idee dal Parco

Arte e Cultura

la bellezza salvera' il mondo

Interviste

storie personaggi e voci dai Castelli

Castelli e Memoria

tradizione luoghi e ricordi

Reti Solidali

insieme per fare e condividere

Libri e Musica

scelti e consigliati da ecocastelli.it


DIETISTICA EUBIOTICA: L'IMPORTANZA DELL'OROLOGIO BIOLOGICO PER IL NOSTRO FISICO

Il cibo rappresenta un incontestabile emblema di piacere e convivialità, ma costituisce soprattutto un fondamentale ausilio in un cammino di benessere e consapevolezza. C’è da recuperare innanzitutto una visione che vada a ricollocare il nostro rapporto con l’unità mente-corpo (psicosoma) in un quadro che corrisponda ad un’idea responsabile del mondo in cui viviamo, fondata sul rispetto degli equilibri naturali, nell’ottica di una riconsiderazione e di una rivalutazione del rapporto uomo-natura. Tale rapporto ha subito un’evoluzione millenaria, dall’arte empirica di Ippocrate sino alla moderna interpretazione della natura dell’uomo fondata sulla conoscenza scientifica.

 

Tuttavia è importante evidenziare la progressiva involuzione che tale rapporto ha subito a causa dell’accelerazione del progresso economico e sociale, del violento impatto ambientale provocato dai processi produttivi, dello sfruttamento delle risorse naturali, del gorgo ormai inarrestabile provocato dalle sollecitazioni prodotte dalla società dei consumi e dal suo ingordo mercato.

Il cibo è un “potente medicamento”, se è poco non serve, se è in eccesso può essere dannoso. E’ necessario che alla giusta misura si accompagni la qualità, oggi compromessa dallo scarso valore biologico dei cibi derivanti da una produzione industriale globalizzata, massificata ove la quantità, la gradevolezza gustativa ed olfattiva e il basso costo produttivo sembrano essere gli unici imperativi.

 

Appare necessaria perciò una riconquista della sintonia del nostro corpo con un ambiente naturale non esasperato, esautorato e contraffatto, rendendo possibile, perciò, quel concetto di benessere naturale che rifiuta la malattia come prodotto di un destino cinico, come condanna di una ereditarietà generica, reale certo, ma largamente controllabile con l’adozione di un certo stile di vita. “L’ uomo è ciò che mangia”: scegliendo come mangiare scegliamo come vivere.

 

Il nostro corpo è come un gigantesco orologio composto a sua volta da numerosi ingranaggi regolati da sincronizzatori “invisibili” quali fattori naturali ed  elementi culturali e sociali. Esemplare è il ritmo luce-buio che è il sincronizzatore dei ritmi circadiani, quei cicli biologici che agendo sul sistema nervoso regolano le fasi di attività e riposo di numerose funzioni organiche.

Ci allontaniamo, oggi, con troppa facilità dal naturale ritmo biologico, dimenticando che l’uomo è parte di un sistema naturale più esteso che comprende tutti gli esseri viventi, la terra e il cosmo intero. E seppure viviamo su regole indotte da ritmi imposti che di naturale non conservano nulla,  deriviamo da tale ritmo biologico e dentro di esso è inserita la nostra esistenza. Lavoriamo e ci riposiamo nelle ore più disparate, mangiamo (troppo) e in qualunque momento, verosimilmente quando ne troviamo il tempo. In questo modo l’equilibrio armonico della natura umana si inceppa, e tentando un adattamento continuo, accresce l’affaticamento dell’organismo e delle sue funzioni soprattutto quella importantissima della detossificazione.

 

Un’alimentazione adeguata nella misura e nella qualità, deve perciò inserirsi nel rispetto del ritmo biologico della giornata, che può essere scomposto in tre “tempi” come ci insegna la cronobiologia.

Primo tempo: fase dell’assimilazione (h. 12-20)

Da mezzogiorno alle 8 di sera il nostro corpo è al massimo delle sue capacità di nutrirsi e assimilare. Gli organi più attivi sono naturalmente quelli dell’apparato digerente così come fegato e reni. I processi metabolici di trasformazione dei nutrienti in energia utile all’organismo producono come scorie acidi

Secondo tempo; fase della rigenerazione (h. 20-4)

Tra le 8 di sera e le 4 del mattino le funzioni degli organi rallentano, il corpo pian piano interrompe l’attività di assimilazione e stoccaggio svolti nella prima fase e attiva un sistema di detossinazione e rigenerazione. Durante la notte avviamo un processo di idrolisi infiammatoria che è in grado di sciogliere il mesenchima divenuto vischioso  e di liberare le tossine. L’organismo richiama le proprie riserve alcaline per metabolizzare gli acidi liberati e far tornare tendenzialmente basico il Ph del mesenchima.

Terzo tempo: la fase dell’eliminazione (h. 4-12)

Il corpo si libera fra le quattro del mattino e mezzogiorno, dei residui tossici.

 

Alla luce di ciò appare ancor più importante il ruolo dell’alimentazione nella regolazione quotidiana del ciclo biologico vitale. I miei consigli terapeutici, infatti, pongono l’attenzione su tre momenti nodali nel percorso per il raggiungimento di quello che definisco benessere possibile.

1)      Un’alimentazione che preveda un equilibrio dei macronutrienti e dei micronutrienti e che il più possibile assolva ai dettami di una buona digeribilità, tenendo sempre conto anche dell’indice glicemico del cibo prescelto.

2)      L’attività fisica che coinvolga corpo e mente nel raggiungimento di un benessere consapevole e quindi duraturo.

3)      La detossificazione.

 

Imma Libertino


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Calendario Eventi

eventi incontri spettacoli corsi e seminari

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

ECOCASTELLI.it

Un sito per vivere al meglio i Castelli Romani, con i loro problemi e con i loro tesori. Uno sguardo attento ad una vita sana e sostenibile, responsabile ecologicamente e socialmente. Tutte le informazioni su quello che si muove di positivo nel territorio dei Castelli e loro dintorni: iniziative, incontri, notizie, eventi, spettacoli.

 

E anche un sito per incontrarsi e conoscere nuove possibilità, discutere e dibattere, scambiare opinioni, informarsi e documentarsi. In più una vetrina privilegiata ed uno spazio specializzato per le attività culturali ambientali e olistiche.

PAUL HAWKEN

          UNA BENEDETTA IRREQUIETEZZA